Fortnite Mobile Gratis sta distruggendo le scuole?

Ne abbiamo anche parlato soltanto qualche giorno fa su queste pagine. Fortnite Mobile Gratis sta ottenendo un grandissimo successo. Soltanto durante la fase ad inviti è subito giunto in prima posizione nelle classifiche di App Store. Indubbiamente quello di Fortnite è un successo stratosferico anche per le versioni PC e console casalinghe tanto che soltanto qualche giorno fa, lo streaming contemporaneo di 100 giocatori su YouTube ha avuto l’audience veramente record di un milione di spettatori.

Cifre incredibili, numeri super. Epic Games ha fatto sicuramente centro ma nelle ultime ore in rete si leggono cose che forse vanno oltre la realtà. Il portale Kotaku afferma in modo letterale che “Fortnite Mobile sta distruggendo le scuole” riportando varie segnalazioni di studenti e professori a riguardo, sottolineando come la sua natura spiccatamente social abbia portato ad un fenomeno di assuefazione e dipendenza da parte dei videogiocatori.

Le “terribili” conseguenze da dipendenza di Fortnite mobile gratis sono studenti che devono finire la partita iniziata prima del suono della campanella o nel corso della pausa pranzo. Addirittura “è stato bandito il gioco” e l’utilizzo degli smartphone nelle classi con le connessioni wi-fi pubbliche in tilt come mai accaduto in passato…. Un momento… Chi vi scrive non conosce per filo e per segno la natura delle scuole americane ma da noi i cellulari sono già bandati nel corso delle lezione.

Ci stanno dunque dicendo che senza Fortnite i cellulari negli USA si possono usare in classe a scuola e senza la app di Epic Games (che per definire Fortnite Mobile Gratis ha parlato di un mix tra Minecraft e Left 4 Dead), gli studenti non avrebbero distrazioni da altri videogiochi, dalle chat di What’s App o Telegram oppure dal vedere qualche filmato su YouTube.

La sensazione è quella di voler fare sensazionalismo giornalistico per creare hype a dismisura. Ovviamente un fondamento di verità è presente senza alcun dubbio. Fortnite veramente è un fenomeno di massa ma da qui a diventare la ragione della distruzione di scuole ce ne passa!

Probabilmente c’è stato indubbiamente un incremento di ragazzi che non stanno alle regole e presi dalla mania Fortnite ci continuano a giocare anche in classe o a scuola con la speranza di non essere beccati ma da qui parlare di distruzione di scuole ce passa, non vi sembra.

Tutta la vicenda sempre un po’ ricordare quella di Pokemon Go di due anni fa. In quel caso era estate e quindi le notizie non potevano riguardare la scuola ma si iniziarono a leggere notizie sempre più “gonfiate”. Una versione 2.0 delle leggende metropolitane degli anni ’80 che partivano quasi sempre come raccontato magnificamente da una canzone cult di Elio e le Storie Tese da “mio cuggggino ha fatto questo e quello”.

A questo ci viene da pensare di tutto. Se queste notizie su Fortnite non siano un modo per distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dalle grandissime manifestazioni che si sono tenute nell’ultima settimana negli Stati Uniti proprio da parte degli studenti per richiedere una maggiore limitazione nella diffusione delle armi, dopo l’ennesima strage avvenuta e che ha visto coinvolto studenti sia nella parte delle vittime che in quella del carnefice.

Secondo la nostra opinione, Fortnite Mobile Gratis difficilmente distruggerà le scuole. Probabilmente però qualche brutto voto lo farà prendere ai ragazzi troppi intenti a vincere le battle royale che a portare a casa qualche A o B (negli USA il sistema di votazione si base sulle lettere).

Comunque ci piacerebbe molto leggere i vostri pareri nei commenti a fine post. Sia riguardo gli articoli come quello di Kotaku (e ne sono comparsi tantissimi altri, sia negli USA che nel resto del mondo), sia la vostra esperienza diretta a scuola o magari all’università. Fortnite Mobile è veramente così virale e presente ovunque? Una sorta di virus che contagia tutti e da cui non si riesce più ad uscire?

Pensiamo poi ad un fatto non secondario: Fortnite Mobile Gratis attualmente è disponibile soltanto su iOS e quindi se ha quest’opera distruttrice di scuole, pensate cosa potrà accadere quando sarà rilasciato anche su Android, dove c’è un’utenza numericamente parlando all’incirca simile a quella degli iPhone di Apple. Il caos dunque raddoppierà o anche questa bolla dell’informazione online presto scoppierà?

Noi su VideogiocareGratis ovviamente continueremo a tenervi aggiornati ma soprattutto per segnalarvi novità su come videogiocare su PC, console e mobile legalmente e fuori dagli orari di scuola, università e lavoro! Non sia mai di essere accusati di distruzione di scuole come capitato all’ignaro Fortnite Mobile!

Per concludere l’argomento vi riportiamo alcuni dei tweet a riguardo:

“Fortnite Mobile ha ucciso il Wifi della scuola”

“Fortnite Mobile è l’unica cosa che succede nella mia scuola oggi”

“La mia scuola è diventata un campo di battaglia tra chi gioca a Fortnite Mobile e PUBG mobile”

“Il 90% dei ragazzi sta giocando a Fortnite Mobile durante la lezione. LOL”.

“Hanno bloccato la connessione della scuola perchè tutti stavano giocando a Fortnite Mobile”

“PUBG e Fornite Mobile stanno facendo cose terribili nella mia scuola”

Curiosità su Fornite Mobile Gratis
Se pur tutti lo considerino una produzione americana visto che Epic Games è un’azienda a stelle strisce, Fortnite in parte è stato realizzato in Polonia gli studi di Epic Games Poland. Dietro questo nome si nasconde la ex software house indipendente People Can Fly che in un recente passato ci ha deliziato con ottimi first person shooter tra i quali Painkiller, Bulletstorm, Gears of War Judgment e molti altri. Chissà se mai un videogioco italiano riuscirà ad ottenere lo stesso successo di Fortnite Mobile. Attualmente sembra difficile ma tra studi di sviluppo indipendenti e realtà più affermate come Milestone, sono stati fatti molti passi in avanti anche nel nostro paese.

[kelkoogroup_ad id=”13154″ kw=”sconti android” /]

Un pensiero su “Fortnite Mobile Gratis sta distruggendo le scuole?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *