Blitz Minigames – Intervista al team Emerald Games

E’ già partita da qualche giorno la open beta di Blitz Minigames, il videogame completamente made in Italy che propone una serie di minigiochi da affrontare su tutti i dispositivi iOS e Android. Abbiamo avuto il piacere di intervistare Emerald Games, il team tutto italiano che ha realizzato questo progetto. Vi lasciamo subito all’intervista!

Ciao ragazzi! In primis volete presentare la realtà tutta italiana di Emerald Team? Come è nata e come è arrivata ad essere oggi come la conosciamo?
Saluti a tutti voi! Emerald Team è nato circa 2 anni fa da un’idea di Edriano Francesco Cordara e Giacomo Brambilla, da sempre appassionati di videogiochi e con alle spalle un decennio nell’editoria videoludica online. Il sogno di realizzare videogiochi è sempre stato presente nelle nostre menti fin da piccini, quando si immaginavano mondi fantastici con in mano i gamepad del Super Nintendo (prima) e della PlayStation (poi). Nel corso dei mesi successivi alla nascita, il team ha dato il benvenuto a Luca Lodi (Graphic Designer) e Veronica Menna (illustratrice), due innesti che hanno permesso al gruppo di uscire dalla fase di rodaggio e buttarsi a capofitto sul primo importante progetto: Blitz: Minigames, che è da poco entrato nella fase Open Beta.

La ragione di questa intervista è soprattutto la vostra produzione Blitz Minigames. Da quali presupposti siete partiti per decidere di puntare su un titolo del genere
Principalmente è stata una nostra scommessa… il tutto è iniziato nelle prime settimane successive alla nascita del gruppo, quando stavamo provando diverse nuove tecnologie con le quali è possibile sviluppare videogiochi. Per testare la loro bontà ci siamo concentrati sulla costruzione di gameplay che prendevano ispirazione dai classici titoli arcade o da piccole esperienze alla WarioWare. I vari test realizzati sono poi stati spostati in un unico hub che a posteriori può essere considerato il primo mattoncino di quello che oggi conosciamo come Blitz: Minigames. La tecnologia che stavamo mettendo alla prova vedeva HTML5 e Javascript come base per la costruzione di un videogioco, adattabile a diverse piattaforme. L’avvento di dispositivi mobili sempre più potenti ci ha spinti ad investire del tempo in ricerca e sviluppo affinché la tecnologia da noi usata potesse proporre un’esperienza di gioco stabile e gradevole anche sul palmo della mano. Come potete immaginare, le performance di un’app ibrida sono diverse rispetto ad un’app nativa, ma ci stiamo accorgendo che più passano i mesi e più la differenza in prestazioni tra questi due mondi si sta assottigliando. Non è stato facile, parecchie notti insonne, ma vedremo se il tempo ci darà ragione.

Blitz: Minigames
Blitz: Minigames

La concorrenza su mobile e per questo tipo di App non manca di certo. Cosa contraddistingue Blitz Minigames dai competitor? Ci indicate tre termini e ce li spiegate
Quello che stiamo cercando di comunicare ai giocatori quando parliamo di Blitz: Minigames è che nel nostro gioco abbiamo cercato di creare un mix tra l’adrenalina tipica dei titoli multiplayer online e l’utilità di uno strumento per l’allenamento della mente. Ciò ha comportato un certo dispendio di energie e di tempo, portandoci anche a rivedere alcune scelte di design prese agli inizi. Insomma, questi sono due punti che riteniamo fondamentali per la tenuta dell’intera esperienza di gioco e che ci contraddistinguono dalla concorrenza. La domanda però richiedeva tre termini… oltre ad adrenalinico e utile ci viene in mente un’altra particolarità: il peso del gioco. Abbiamo svolto un profondo lavoro di tuning fin dargli inizi per la realizzazione di un prodotto leggere, e a oggi abbiamo raggiunto un peso di appena 16MB su Android e poco più di 20 su iOS. I giocatori con poco spazio libero sui loro dispositivi saranno contenti!

ItaliaTopGames ha da poco lanciato il sito “spinoff” Videogiocaregratis, tutti i modi legali per videogiocare senza spendere un euro. Secondo voi come muterà da qui al prossimo futuro il mondo dei videogiochi? Il free-to-play è la formula che prenderà sempre più il sopravvento? Vedete altre alternative all’orizzonte?
Stando alla nostra visione del mercato, per i prossimi anni ci aspettiamo di vedere sempre più titoli gratuiti che puntino al sostentamento tramite acquisti in-app e pubblicità mirata. Non è un mistero che prodotti di questo tipo possono avere un gran riscontro dal pubblico vista la facile accessibilità. Certo è vero che è difficile affermarsi con un’impostazione free-to-play e quindi si vedranno prodotti con idee nuove tentare di sbancare, per la fortuna dei videogiocatori. D’altro canto, pensiamo che il mercato classico dei giochi a pagamento retail e digital vivrà un momento di forte riflessione, che vede negli abbonamenti mensili a servizi di accesso a contenuti digitali la prima risposta alle abitudini del consumatore di oggi, alla Netflix per intenderci. Sarà senz’altro interessante vedere come queste due filosofie cambieranno il modo con cui siamo abituati a videogiocare.

Vi lasciamo salutare i nostri lettori magari invitandoli all’open beta di Blitz Minigames 🙂
Ragazzi in ascolto correte a scaricare Blitz Minigames! Il gioco è ancora in Open Beta ed abbiamo bisogno di ogni feedback utile per poter completare il prodotto in vista del rilascio ufficiale del prossimo Aprile. Oltre ad aiutarci mettendo un po’ sotto stress i server, potrete strapparvi qualche soddisfazione battendo i vostri amici grazie alle vostre capacità da videogiocatore. Forza forza, vi vogliamo vedere all’opera su Blitz!

Un grazie dunque all’Emerald Team per questa interessante e piacevole intervista rilasciata. Noi vi invitiamo a provare subito l’open beta di Blitz Minigames. Vi ricordiamo che, avendone parlato su queste pagine… è completamente gratis! Buon divertimento dunque!

3 pensieri riguardo “Blitz Minigames – Intervista al team Emerald Games

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *